UNI EN ISO 17100:2015 Servizi di traduzione - Requisiti del servizio

UNI EN ISO 17100:2015 Servizi di traduzione – Requisiti del servizio

Per qualsiasi organizzazione che si trovi ad operare in un contesto internazionale è fondamentale avere la garanzia di avvalersi di una società di traduzione che garantisca il trasferimento corretto del significato di un testo da una lingua all’altra.

Lo Standard di qualità internazionale UNI EN ISO 17100:2015 “Servizi di traduzione – Requisiti del servizio” specifica i requisiti relativi a tutti gli aspetti del processo di traduzione che influenzano direttamente la qualità dei servizi di traduzione da parte di un fornitore di servizi linguistici (TSP Translation Service Provider).

Continua a leggere

La documentazione tecnica nel contesto dell’Internet of Things

La documentazione tecnica nel contesto dell’Internet of Things

Internet of Things – letteralmente “Internet degli oggetti” o IoT, – è l’espressione utilizzata ormai da qualche anno per definire la rete delle apparecchiature e dei dispositivi, diversi dai computer, connessi a Internet. Sensori per il fitness, automobili, radio, impianti di climatizzazione, ma anche elettrodomestici, lampadine, telecamere, pezzi d’arredamento, container per il trasporto delle merci… insomma qualunque dispositivo elettronico equipaggiato con un software che gli permetta di scambiare dati con altri oggetti connessi.

Continua a leggere

I CMS dall’editing tradizionale al publishing strutturato

I CMS: dall’editing tradizionale al publishing strutturato

Cos’è un CMS? Tecnicamente, un Content Management System, in acronimo CMS, è uno strumento software installato su un server, che generalmente si appoggia su un database, il cui compito è facilitare la gestione e l’archiviazione dei contenuti.

Perché adottare un CMS / CCMS per la gestione di contenuti tecnici e di prodotto?

Continua a leggere

Le norme armonizzate di tipo A, B e C

Le norme armonizzate di tipo A, B e C

Una norma europea, per essere armonizzata, deve essere pubblicata nella Gazzetta ufficiale della Comunità nel contesto delle norme di riferimento per una determinata direttiva di nuovo approccio. Le norme europee sono di tre tipi: generali, di sicurezza, di prodotto.

Continua a leggere

Istruzioni per l'uso la Norma IEC 82079-1 2012

Istruzioni per l’uso: la Norma IEC 82079-1:2012

La Norma IEC 82079-1:2012 fornisce principi generali e requisiti dettagliati per la progettazione e la formulazione di tutti i tipi di istruzioni per l’uso destinate a qualsiasi tipo di prodotto.

Essa, pertanto, si rivolge a fornitori, progettisti tecnici, illustratori tecnici, progettisti software, scrittori tecnici, traduttori e, in generale, a chiunque sia impegnato nell’attività di ideazione e redazione di Istruzioni per l’uso.

Continua a leggere

La Dichiarazione d’Incorporazione per le quasi macchine

La Dichiarazione d’Incorporazione per le quasi macchine

Come per tutti i prodotti, anche per la quasi-macchina deve essere attestata la conformità ai Requisiti Essenziali di Sicurezza (RES). Questo atto, per la quasi-macchina è detto Dichiarazione d’Incorporazione.

Continua a leggere

Macchina o quasi macchina secondo la Direttiva Europea 2006-42-CE

Macchina o quasi macchina secondo la Direttiva Europea 2006/42/CE

La Direttiva Macchine 2006/42/CE individua come:

Macchine:

  • l’insieme equipaggiato o destinato ad essere equipaggiato di un sistema di azionamento diverso dalla forza umana o animale diretta, composto di parti o di componenti, di cui almeno uno mobile, collegati tra loro solidamente per un’applicazione ben determinata;
  • l’insieme di cui al p.to precedente, al quale mancano solamente elementi di collegamento al sito di impiego o di allacciamento alle fonti di energia e di movimento;
  • l’insieme di cui ai 2 p.ti precedenti, pronto per essere installato e che può funzionare solo dopo essere stato montato su un mezzo di trasporto o installato in un edificio o in una costruzione;
  • l’insiemi di macchine, di cui ai 3 p.ti precedenti, o di quasi-macchine, che per raggiungere uno stesso risultato sono disposti e comandati in modo da avere un funzionamento solidale;
  • l’insieme di parti o di componenti, di cui almeno uno mobile, collegati tra loro solidalmente e destinati al sollevamento di pesi e la cui unica fonte di energia è la forza umana diretta.

Continua a leggere

Le novità della Nuova Direttiva Macchine

Le novità della Nuova Direttiva Macchine

La Direttiva 2006/42/CE (la Nuova Direttiva Macchine), che sostituisce la precedente (Direttiva n. 98/37/CE), oltre ad uniformare le normative fra tutti gli Stati Membri ha apportato diverse novità, sia dal punto di vista formale che sostanziale, per quanto riguarda la realizzazione del prodotto.

Continua a leggere

La Direttiva Macchine

La Direttiva Macchine

Le caratteristiche e i principi della Direttiva Macchine: l’evoluzione della normativa, il campo di applicazione, gli aspetti rilevanti, i requisiti essenziali di sicurezza e gli obblighi del fabbricante di una macchina.

La Direttiva Macchine è una direttiva europea che si applica a macchine fisse, mobili, trasportabili e di sollevamento/spostamento, attrezzature intercambiabili, componenti di sicurezza, accessori di sollevamento, catene, funi e cinghie, dispositivi amovibili di trasmissione meccanica.

Continua a leggere

Marcatura CE: Ruolo di importatori e distributori

Marcatura CE: Ruolo di importatori e distributori

Importatori

La marcatura CE non implica che un bene sia stato prodotto entro l’area SEE. Se spetta ai produttori garantire la conformità dei loro prodotti e apporre il marchio CE, gli importatori devono assicurare che i prodotti che immettono sul mercato rispettino i requisiti applicabili e non presentino un rischio per i consumatori europei.

Nel caso di importazione di prodotti fabbricati in paesi extra UE è l’importatore che, prima della prima messa in commercio (anche se fosse verso un distributore nel caso sia diverso dall’importatore stesso), deve accertare la conformità alla direttiva. Qualora poi l’importatore venda a suo nome all’interno della UE, dovrà riemettere anche i documenti obbligatori previsti a cominciare dalla Dichiarazione CE di Conformità. Qualsiasi responsabilità relativa al prodotto marchiato comunque ricadrebbe sull’importatore.

Continua a leggere